Francesco Amadori: l’uomo che ha dato il nome e l’anima alla sua azienda.

Francesco Amadori è nato a Cesena il 15 gennaio 1932. Fin da quando era piccolo ha affiancato i genitori nella commercializzazione di pollame e animali da cortile a livello locale.

Appena più grande, insieme al fratello Arnaldo, decide di cimentarsi nell’allevamento in proprio, diventando a tutti gli effetti allevatore. Consolidata questa fase iniziale, i fratelli Amadori passano ad occuparsi anche della trasformazione alimentare con lo scopo di arrivare a gestire una filiera integrata.

Amadori: la crescita e il consolidamento dell’azienda.

Negli anni ’70 continua la crescita dell’attività e arriva il primo significativo riconoscimento: il premio Mercurio d’oro, consegnato da Giulio Andreotti. Negli anni successivi la distribuzione diventa nazionale tanto da far nascere un secondo polo produttivo in Abruzzo, oltre a quello di Cesena.

Nel 1999 con la crisi del “pollo alla diossina” esplosa in Belgio, Francesco Amadori decide di mettere la faccia nei suoi spot televisivi. I valori aziendali, quali la passione, la qualità Made in Italy, la sicurezza e la fiducia vengono sintetizzati dal famoso claim:

“Parola di Francesco Amadori!”

Nel 2002 Francesco viene nominato “Cavaliere del Lavoro” dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
Oggi, Amadori è uno dei principali leader nel settore agroalimentare italiano.

Il fatturato nel 2015 è stato di 1.250 miliardi di euro.
L’azienda conta all’incirca 7400 lavoratori ed è presente sul territorio nazionale con stabilimenti industriali, filiali e agenzie.

Alla base del successo, sicuramente, c’è la decisione di gestire direttamente l’intera filiera integrata. Ciò ha permesso un controllo più approfondito e certificato di tutte le fasi produttive dalla selezione delle materie prime fino alla distribuzione stessa.

Oltre a questo, la famiglia Amadori deve il suo successo alle solide radici e lo sguardo che ha rivolto al futuro.
La passione, l’esperienza, il legame con la terra e gli allevatori, le idee innovative e l’attenzione per la qualità hanno contraddistinto negli anni Amadori sul mercato.

“Questa vocazione, forte del sapere costruito nel tempo e della fiducia nelle persone, ci rende dinamici, orientati all’innovazione di prodotti e processi e portatori di un’ecologia dei comportamenti, intesa come responsabilità, rispetto, cura, verso tutti gli interlocutori: le persone che usano i nostri prodotti, gli azionisti, i collaboratori, i fornitori, la collettività.”

Parola di Francesco Amadori!

Lascia una commento